it
Le Nostre Ricette

PESCHE RIPIENE ALLA PIEMONTESE

Le pesche ripiene sono un dolce al forno di origine piemontese, perfetto per celebrare questo frutto simbolo dell’estate. Ecco un modo per gustarle tutto l’anno!

La ricetta originale si prepara tagliando semplicemente a metà pesche o pesche noci, eliminando il nocciolo e riempiendo la cavità con un mix di mandorle, amaretti e cacao. Il passaggio in forno, rigorosamente con un ricciolo di burro, le renderà morbide e deliziose.

Potete aggiungere del Marsala all’impasto, oppure sostituirlo con Brandy o Whisky. Anche le mandorle possono essere sostituite con una granella della vostra frutta a guscio preferita, come nocciole o pistacchi.

Non possono mancare invece gli amaretti, che creeranno un equilibrio perfetto con la dolcezza della frutta!

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

- 8 mezze pesche sciroppate
- 50 g di amaretti Forno Bonomi
- 30 g di mandorle pelate
- 1 cucchiaio di cacao amaro
- 2 cucchiai di zucchero grezzo
- una noce di burro
- qualche fogliolina di menta fresca

PREPARAZIONE

Per prima cosa scolare le pesche dal loro liquido di stazionamento e ingrandire la cavità del nocciolo con un cucchiaino. 

Frullare la polpa ricavata con le mandorle (precedentemente sminuzzate), gli amaretti sbriciolati e il cacao amaro. Il risultato dovrà essere un composto omogeneo e umido.

In una padella, scaldare una noce di burro e passare le pesche, con la cavità rivolta verso il basso, per dorarle leggermente. Basteranno pochi minuti.

Poi disporle, questa volta con la cavità rivolta verso l’alto, su una teglia ricoperta di carta da forno e riempirle con qualche cucchiaino di ripieno. Spolverare la superficie con lo zucchero e infornare a 200° per 30 minuti circa, nel ripiano centrale del forno.

Servire le pesche ripiene alla piemontese irrorandole con il fondo di cottura (che sarà diventato in cottura denso come il caramello), qualche amaretto sbriciolato per dare croccantezza e foglie di menta per un tocco di freschezza.

Se volete aggiungere anche un contrasto di temperatura, potete servirle con una pallina di gelato alla crema!

 

Ricetta a cura di Anna Fracassi, autrice de @lennesimoblog

 

Condividi l'articolo